Archive for September, 2006

BzaarCamp instaBlogging (3)

Saturday, September 30th, 2006

Spunto da una discussione su tutt’altro: “invecchiando” informaticamente si diventa sempre più avari con il proprio tempo ed i propri click (si tende a seguire meno percorsi nuovi, limitandosi a quelli conosciuti). Questo non può fare altro che limitare le possibilità di nuove scoperte e, alla lunga, costruire un muro di abitudini sempre più difficile da abbattere.

I monaci del periodo pre-Gutenberg avevano convinto la popolazione che scrivere in volgare fosse addirittura impossibile, in modo da mantenere il monopolio sulla scrittura (eseguita ovviamente in latino): DarkAgesDRM.

Le interfacce come il mouse o la tastiera sono assolutamente innaturali: servono ad avvicinare l’utente al linguaggio della macchina, non viceversa come si potrebbe pensare. Del resto dopo anni siamo ancora inchiodati alla tastiera qwerty (che è stata sostanzialmente progettata per rallentare la scrittura) ed ogni tentativo di andare oltre è stato finora totalmente vano. Inoltre tutti i maggiori sistemi operativi sono basati sul paradigma mouse/tastiera e ricostruirli da zero su un nuovo paradigma di interazione non è economicamente conveniente.

Una riflessione aperta, nata da uno speech sugli eBook: molti libri universitari vengono fotocopiati (illegalmente), ma nessuno si sognerebbe mai di fotocopiare un libro acquistato “per piacere personale”. Dove sta la differenza? E in questo contesto, dove si collocano libri come i manuali per giochi di ruolo, che sono acquistati per piacere personale ma spesso e volentieri sono fotocopiati o scannerizzati o comunque condivisi?

[nota: il BzaarCamp è finito, questo post è un instaBlogging solo in quanto tratta di idee che non ho ancora avuto il tempo di riordinare ;)]

BzaarCamp instaBlogging (2)

Saturday, September 30th, 2006

La pausa pranzo ha avuto la meglio sulla mia capacità di blogging :D

Altri spunti di stamattina e del primo pomeriggio:

  • FON, che ha fornito la connettività per il BzaarCamp, è un progetto interessante (per quanto cozzi con l’atavica diffidenza italiana, a mio avviso)
  • Un approccio semiotico alla cucina, ovvero: dovrei imparare a cucinare meglio :D
  • Side-note: l’abbiocco post-prandiale è sempre mortale, nonostante un provvidenziale caffè.
  • GTD (getting-things-done), ovvero: il mio prossimo (inutile?) tentativo di organizzare le cose da fare.

More later…

BzaarCamp instaBlogging (1)

Saturday, September 30th, 2006

Prime impressioni dal BzaarCamp.

  • Organizzazione impeccabile, con tanto di badge e magliette personalizzate.
  • Leit-motiv della giornata: ogni due minuti un badge si stacca e cade a terra con plastico clangore.
  • Se è vero che le foto rubano l’anima, alla fine della giornata non me ne resterà più neanche un grammo. :D
  • Le presentazioni previste sono meno di quante pensassi, ma molti titoli sembrano interessanti.

Per ora ho assistito alla presentazione di Gaspar su Taichi for geek. La necessaria brevità delle presentazioni le rende fonti di spunti, più che di conoscenze approfondite, ma dopo tutto è esattamente questo che mi aspettavo dal BzaarCamp ;)

More on this later.

Come infastidire i consumatori

Tuesday, September 26th, 2006

Mentre navigavo, stamattina, ascoltavo la meravigliosa Pluvius Aestivus dei Pain of Salvation, quando ad un tratto uno spot in flash sul sito del Corriere ha sparato una musica inascoltabile a tutto volume.

Da stamattina il mio AdBlock ha una nuova entry.

Jacomania

Sunday, September 24th, 2006

Ieri ho partecipato con il mio gruppo (i Red Leds) ad un concorso musicale a Castel San Giovanni (PC). Oltre ogni nostra più rosea previsione, siamo arrivati terzi.

Devo ammettere che sono molto, molto contento :)

Bye bye Mac Hall

Friday, September 22nd, 2006

Mac Hall, uno dei webcomics che seguo da tempo e senza dubbio uno tra i più artistici che si trovano in rete, chiude i battenti (quantomeno nella sua forma attuale).

Non si può dire che non sia stata una decisione annunciata: negli ultimi mesi (se non anni) gli aggiornamenti si erano fatti sempre più saltuari e, nonostante i ripetuti tentativi di tornare on schedule, era chiaro che Ian McConville avesse altro per la testa.

Restiamo in attesa di qualcosa, un ritorno o una mutazione, come abbiamo fatto con Dragon Tails. Forse la considerazione sarà banale, tuttavia la chiusura di Mac Hall mette in luce lo stato evolutivo attuale del mondo dei webcomics: mentre alcuni sono cresciuti al punto da diventare un lavoro a tempo pieno per i loro autori, altri sono semplicemente rimasti un hobby, che inevitabilmente viene sacrificato quando il tempo inizia a scarseggiare.

Automobili incredibili

Wednesday, September 20th, 2006

Ieri sera ho visto al cinema Cars: sono partito senza troppe aspettative (i trailer non mi hanno entusiasmato) ma devo ammettere che è un bel film di animazione. Mi lasciava perplesso soprattutto il cast di doppiatori, che aveva il sapore di palese operazione pubblicitaria (nomi famosi ma incapaci), ma sotto questo aspetto sono rimasto piacevolmente sorpreso: sia Marco della Noce che Sabrina Ferilli (!) che i vari piloti a cui è stata data una particina si sono rivelati all’altezza. Unica nota terribilmente stonata, il commento sportivo di Gianfranco Mazzoni e Ivan Capelli, con un’espressività degna di una segreteria telefonica.

Spinto da Cars, ho deciso di colmare una grave lacuna nell’elenco dei film Pixar che ho visionato, e così oggi mi sono guardato Gli Incredibili. Per quanto Cars mi sia piaciuto, Gli Incredibili è su un altro pianeta, sia in quanto a inventiva, sia per le musiche, i dialoghi, i personaggi, l’umorismo. Per essere un film Disney – e quindi soggetto ad una dose minima obbligatoria di buoni sentimenti – Gli Incredibili è costruito in maniera molto più “adulta” e soprattutto in questo, sospetto, sta il motivo che mi ha spinto a considerarlo la miglior produzione Pixar vista finora, a parimerito con Monsters&Co. L’unico appunto che mi sento di fare – a voler davvero cercare il pelo nell’uovo – è che l’identità del supervillain e la scena del mantello erano prevedibilissime. In ogni caso, promosso a pieni voti ;)

Acronimi

Tuesday, September 19th, 2006

E’ incredibile la quantità di acronimi diventati popolari con l’avvento di Internet (molti esistevano anche prima, ma essendo un’abitudine prettamente americana non ne eravamo probabilmente a conoscenza). Dopo anni, ancora riesco a trovare qualcosa che non conoscevo.

Le parole di oggi sono FUBAR (Fucked Up Beyond All Recognition) e SNAFU (Situation Normal: All Fucked Up). Non si finisce mai di imparare :D

Guards!

Saturday, September 16th, 2006

The phrase “set a thief to catch a thief” had by this time (after strong representations from the Thieves’ Guild) replaced a much older and quintessential Ankh-Morporkian proverb, which was “Set a deep hole with spring-loaded sides, tripwires, whirling knife blades driven by water power, broken glass and scorpions, to catch a thief”.

Terry Pratchett – Guards! Guards!

BzaarCamp

Friday, September 15th, 2006

BzaarCamp

Quando? Sabato 30 Settembre, idealmente dalle 11.30 alle 19.00.

Dove? Milano (dettagli da definire)

Cosa? Un incontro/conferenza/convention/bazaar che promuove il libero svolazzare di idee tra menti pronte ad acchiapparle :D

Non ho mica capito: Prova con il post di Bru, decisamente più esaustivo ;)