Archive for August, 2009

ZenphotoPress 1.6

Monday, August 31st, 2009

Ho appena rilasciato ZenphotoPress 1.6.

I cambiamenti più significativi:

  • Supporto per Zenphoto 1.2.6
  • Supporto per le widget di WordPress 2.8: è possibile aggiungere più di una widget di ZenphotoPress alla sidebar
  • Fix di sicurezza: le immagini contenute in album non pubblicati o privati non vengono più mostrate
  • Supporto per i sub-album: la lista degli album ora mostra un albero, così è più facile vedere quali sono quelli annidati

Come sempre, fatemi sapere se qualcosa non funziona :)

Apple Store: come non progettare un profilo utente

Wednesday, August 26th, 2009

Apple a volte sa essere davvero assurda. Il fatto che costruisca prodotti di altissima qualità, con un’attenzione maniacale all’interfaccia utente, mi rende incomprensibile come possa mettere online una schifezza come la gestione profilo dell’Apple Store.

Entro nel sito di Apple Store Italia. Ho già un account, quindi mi piacerebbe fare login. Esiste un link o un pulsante per il login? No.

Alla fine clicco su “account”, che mi sembra concettualmente simile. Mi si presenta questa tabella:

Picture 7

Sorvoliamo sul padding messo a caso e sulla frase descrittiva più inutile del 2009 (“Tieni traccia degli ordini, modifica e altro.”), ma… cosa ci fanno tutti quei link? Vuoi vedere che sono già loggato?
Ovviamente no: infatti da un link piccino picciò in alto a destra occhieggia un “login”. Clicco.

Picture 8

“Registrati ora”, mi dicono. Ma come, non dovevo fare login?
Ah no, ho capito: usano “registrati” per “login”. Praticamente come usare “sali per “scendi”, visto cosa significa normalmente registrarsi ad un sito.
Mi “registro”.

Picture 16

Finisco di nuovo sulla tabella con le varie opzioni, ma ora due sono disabilitate. Ohibò, gli utenti registrati possono fare meno cose di quelli anonimi.

Vabbè, pazienza. Torno allo shop, metto un Leopardo delle Nevi nel carrello, vado alla cassa…

Picture 9

Come sarebbe a dire, “registrati”? Cosa ho fatto due minuti fa? (Tra parentesi, sorvoliamo sul fatto che le istruzioni sono un po’ al singolare e un po’ al plurale).
Pare che Apple non abbia buona memoria.

Vabbè, mi “registro” di nuovo e arrivo alle Informazioni sulla consegna: Apple vuole sapere il mio nome, cognome, indirizzo e telefono per la spedizione.

Picture 10

Mi soffermo a rimirare la piacevole disposizione dei campi della form, finché mi sorge un dubbio: ma quando mi sono registrato (registrato davvero, non “registrato”) non ho già inserito questi dati?

Torno alla pagina dell’Account, clicco su Modifica i dati dell’account.

Picture 11

Sorvoliamo sugli errori di ortografia (“completandi i campi”???): l’indirizzo principale è già inserito. L’indirizzo per la spedizione va inserito solo se differente, quindi dovrei essere a posto.
Vabbè, abbiamo visto che Apple non ha memoria, passiamole anche questa.

Mentre sono nel profilo, però, mi punge vaghezza di annullare l’iscrizione alla newsletter (una checkbox, più giù nella stessa pagina – fuori dallo screenshot di cui sopra). Clicco la checkbox, poi clicco “continua”… errore! Non ho inserito la password e la relativa conferma (i due campi in alto a destra).

Ora, qualcuno mi può spiegare perché per modificare il mio profilo sono costretto a cambiare la password? Non dico ad inserire la mia password per sicurezza – e comunque sarebbe la terza volta – ma proprio a specificarne una nuova.
Mah. Alla fine non cambio nulla.

Torno all’Account, noto un link “Gestione rubrica indirizzi spedizione”: clicco sperando di fare chiarezza.

Picture 12

“Registrati ora”. Ehi, Apple, sicura che non hai di nuovo esagerato con la tequila? Sono sempre io, quello di cinque minuti fa.
Vabbé: mi “registro” per l’ennesima volta.

Picture 13

Ok, questo cosa diavolo sarebbe? Righe e parole a caso: forse è un quadro futurista. Andando a tentoni, clicco su “modifica”: sembra un link promettente.

Picture 14

Ok, il primo campo è in inglese (chissà perché), gli altri sono tutti vuoti.
Apple, dove eri mentre ti dicevo il mio indirizzo? Tra l’altro hai pure il coraggio di chiedermi di nuovo la mia mail che è lo user id dell’account… quello almeno potresti ricordartelo, no?

Dopo aver compilato, posso finalmente acquistare. Mi “registro” ancora una volta (forse non sono abbasstanza convincente quando faccio login) leggo un paio di schermate di riepilogo mezze in inglese e mezze in italiano sgrammaticato, finalmente completo l’acquisto.

Già che ci sono, provo a dare un’occhiata allo Stato dell’ordine:

Picture 15

Oddio, si ricomincia…

5×15 in Tokyo

Thursday, August 20th, 2009

Chi mi conosce di persona lo sa da tempo: sono due anni che la meno col libro che stiamo scrivendo sulla nostra vacanza in Giappone.

Beh, finalmente il libro è pronto. Dateci una sbirciata su 5×15.in/tokyo, io intanto vi aspetto qua.

Rieccoci. Che ve ne pare? :)

Il libro è un vero e proprio libro: con la carta, l’inchiostro e tutto. E’ stato pensato così fin da subito, approfittando dei costi contenuti della stampa on-demand su Lulu. Se per qualche motivo volete leggerlo anche voi in formato fisico, potete acquistarlo per 32$ (che sono i costi di Lulu: noi ovviamente non ci guadagnamo nulla).

In alternativa, c’è anche una versione in PDF (4.2Mb) con la stessa impaginazione del libro. Non è la stessa cosa (ve lo dico perché il libro ce l’ho in mano ora :D) ma mi pare comunque un ottimo compromesso.

Cosa troverete leggendolo? Un sacco di cose, tra cui: vecchine ubriache che demoliscono locali, musei con un gran tempismo, il miglior ramen del giappone e la bellezza di sedici nani. Biancaneve, vai a nasconderti :D

~

Per celebrare il lancio del sudato volume, dal 1 agosto stiamo twittando la nostra vacanza come se fossimo nel 2007, durante il viaggio. Potete leggere tutti i tweet delle scorse due settimane sul nostro 5×15 in Twitter.

5×15 – Tweet dal passato profondo

Tuesday, August 4th, 2009

4 agosto 2007. Esattamente due anni fa partivo per il Giappone con un gruppo di 4 amici.

4 agosto 2009. Il viaggio ricomincia con 5×15 su Twitter.

Di che si tratta?

Quando osserviamo le stelle, la loro distanza fa sì che riceviamo la luce che hanno emesso migliaia di anni fa. Immaginate più o meno la stessa cosa: due anni fa dei tweet hanno iniziato il loro viaggio dal Giappone e stanno arrivando a noi soltanto ora.

Se volete seguire la nostra vacanza (e secondo me sarà interessante ;)) potete fare il follow dell’account di 5×15. Buon ascolto!